d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.

Farmacia Savonuzzi

/ farmacia / Vene varicose: quando l’altezza è un rischio

Vene varicose: quando l’altezza è un rischio

Lunedì scorso, abbiamo avuto il piacere d’incontrare il Dottor Riccardo Soverini,chirurgo vascolare presso l’ospedale del Delta, per parlare di:
Malattia venosa cronica
Malattia emorroidaria

 

Oggi, uno studio genetico su larga scala pubblicato su “Circulation”, oltre ad aver confermato alcuni fattori di rischio già noti come etá, sesso, peso, fumo, sedentarietà, ha identificato alcuni fattori di rischio che possiamo considerare “nuovi”.

 

I risultati suggeriscono che l’altezza non è solo un fattore correlato, ma un meccanismo sottostante che porta alle vene varicose.
Sembrerebbe proprio che i geni che determinano l’altezza di una persona possano essere alla base di questo legame, fornendo indizi per il trattamento della condizione.

 

LE DONNE sono le più colpite
Numerosi studi avevano già messo in correlazione le vene varicose con fattori ormonali. Le donne, infatti, mostrano un rischio più elevato di sviluppare le varici.

È ad esempio noto che, durante la gravidanza, compaiono spesso le vene varicose. Al termine della gestazione, queste varici possono ridursi e addirittura scomparire. È anche opinione comune legare questa condizione al peso del bambino. Tuttavia, ricordiamo che le varici compaiono nei primi mesi, quando il peso non è ancora un fattore determinante.

 

Ma perché il rischio aumenta in questo particolare periodo della vita della donna?
Il motivo sta nell’incremento di ormoni utili a permettere al corpo femminile il progredire della gravidanza e di tutte le sue fasi.

 

Attenzione, qualsiasi vena può diventare varicosa ma, solitamente le più colpite appartengono al ciclo superficiale della gamba. Oltre ad essere un problema estetico, le varici, possono comportare anche delle complicazioni, come flebiti, infezioni, ulcerazioni ed emorragie.

 

Sebbene la condizione sia generalmente considerata abbastanza innocua, vi sono studi che tendono ad associare le varici a gravi problemi cardiovascolari, come disturbi alla coagulazione del sangue e trombosi venosa profonda. Quindi badate bene: siate donne alte o meno, tenete sempre sott’occhio i sintomi.